Disinfezione e disinfestazione eco-compatibile

Fino al 2005 la disinfezione e la disinfestazione avveniva con l’impiego di prodotti chimici fumiganti: nella pratica comune il fumigante più utilizzato era il bromuro di metile (BM) CH3Br.
Il bromuro di metile contribuiva in maniera significativa all’assottigliamento dello strato di ozono stratosferico, inoltre è classificato come Altamente Tossico per gli organismi acquatici e Tossico/Nocivo per l’uomo.

Con l’approvazione del Protocollo di Montreal è stata decisa l’eliminazione del bromuro di metile: nei paesi sviluppati non può più essere utilizzato dal 2005, mentre per i paesi in via di sviluppo il divieto è rimandato al 2015.

L’alternativa ai prodotti chimici di sintesi

Il metodo Bioflash agisce portando il primo strato del terreno (20 cm) a una temperatura tra i 65 e gli 80°C e mantenendo questo trattamento per circa 20 minuti.

Siccome la maggior parte dei parassiti tellurici delle piante hanno una soglia letale inferiore agli 80°C, l’efficacia è elevatissima. Inoltre rispetta l’ambiente, la salute dei coltivatori e dei consumatori, senza distruggere la microflora e i microorganismi utili.